LEONARDO RICCI 100 – una mostra per scoprire un personaggio

E’ stata inaugurata lo scorso 13 aprile negli spazi dell’Ex-refettorio di Santa Maria Novella, la mostra : Leonardo Ricci.  Scrittura, Pittura e Archtettura: 100 note a margine dell’anonimo del XX secolo

La mostra a conclusione delle celebrazioni per il centenario dalla nascita di Leonardo Ricci offre la possibilità, a chi come me non è architetto ma è da sempre interessato alla materia, di conoscere il poliedrico Architetto, progettista del Palazzo di Giustizia di Firenze, realizzato postumo non seguendo le precise indicazioni del progetto originale.

P8560948

A cura di Maria Clara Ghia, Ugo Dattilo e Clementina Ricci, l’esposizione presenta l’emblematica figura di Leonardo Ricci, liberandola dagli approcci disciplinari tradizionali, come nel suo stile.

Schizzi di matrice espressionista, quadri dal forte impatto materico, composizioni in mosaico, fotografie d’epoca e modelli architettonici si accostano a disegni, in un collage che permette di fare luce su aspetti del lavoro di Ricci non ancora indagati, attraverso differenti livelli di espressione estetica.

P8560924

Documenti video e brani di riviste contribuiscono alla lettura di un messaggio poliedrico, tradotto magistralmente dallo stesso Ricci anche attraverso la forma scritta.

A guidare il visitatore sono infatti gli stralci di Anonimo del XX Secolo, il libro di respiro esistenzialista che scrisse negli Stati Uniti nel 1957, “non un libro dotto per specializzati ma aperto a tutti”. “Il mio desiderio -scriveva- era quello di trattare alcuni argomenti strettamente connessi alla mia sfera di attività che si svolge principalmente nel campo dell’urbanistica e dell’architettura, ma in maniera non specifica”.

P8560925

Divisa in sedici sezioni, come i capitoli del libro, la mostra propone un percorso che intreccia le trame delle discipline praticate da Ricci, mimando l’apertura del suo pensiero.

I materiali d’archivio provenienti dello CSAC di Parma, insieme ai lavori inediti conservati nella casa-studio di Monterinaldi, riflettono così le influenze della formazione fiorentina tra la lezione di Giovanni Michelucci e l’Astrattismo Classico; del periodo parigino a contatto con Albert Camus, Jean Paul Sartre e Le Corbusier, per poi culminare con l’esperienza americana.

P8560943

Il risultato è uno stupefacente quadro della ricchezza della ricerca teorica, della produzione artistica e dell’attività progettuale di Leonardo Ricci scrittore, pittore e architetto.

Questo approccio si traduce in un itinerario di visita non lineare, pensato appositamente dallo studio Eutropia Architettura, che accosta realizzazioni profondamente diverse, con un processo che Ricci definisce “logico”: non una ricerca di giustificazioni a priori, solo il desiderio semplice e incessante di trovare relazioni fra le cose che esistono e stabilirne di nuove.

P8560928

Accompagna la mostra il catalogo LEONARDO RICCI 100. Scrittura, pittura e architettura. 100 note a margine dell’Anonimo del XX secolo, a cura di Ugo Dattilo, Maria Clara Ghia, Clementina Ricci, pubblicato da didapress, Firenze 2019.

Leonardo Ricci (Roma 8 giugno 1918-Venezia 29 settembre 1994)

Inizia l’intensa e poliedrica attività creativa con la pittura, coltivata fin da giovanissimo e radice profonda della sua formazione culturale e sperimentazione progettuale. Apprende “l’amore per l’architettura” da Michelucci di cui è allievo, assistente e collaboratore. Nella Firenze postbellica partecipa ai concorsi per la ricostruzione dei ponti fiorentini e avvia l’impegno didattico nell’insegnamento universitario, dove sarà sempre innovatore appassionato e coraggioso, tanto da essere chiamato anche all’estero come visiting professor e graduate research professor presso il MIT, la Pennsylvania State University e la Florida University. La sua opera-manifesto è l’insediamento residenziale organico di Monterinaldi a Firenze, che esprime pienamente la sua poetica comunitaria. Muore nel 1994 e il progetto del nuovo Palazzo di Giustizia di Firenze, ultima sua opera, viene realizzato postumo, non restituendo in maniera soddisfacente il progetto originario.

fino al 26 maggio 2019

Ex-Refettorio di Santa Maria Novella Piazza della Stazione 6, Firenze

Orari da lunedì a sabato dalle 11.00 alle 17.30
domenica e festivi dalle 13.00 alle 17.30
Biglietti Ingresso libero

testo : comunicato stampa

foto : Andrea Paoletti © 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...