AION di Louise Manzon al Museo Marino Marini di Firenze

Scendendo nella suggestiva cripta della ex-Chiesa di San Pancrazio, che ospita il bellissimo Museo Marino Marini,

viste da lontano, avvolte dal buio con solo alcuni fasci di luce si ha la sensazione che le opere della mostra Aion di Louise Manzon siano piccoli manichini di haute couture, in pose regali con scintillanti abiti di tessuti preziosi.

P8570944

Avvicinandosi è tutto il contrario, sono sculture di figure femminili ricoperte di materiali poveri : chiodi, fili di ferro, frammenti di reti metalliche. Incoronate come delle regine con lo sguardo verso il cielo, portatrici di vita vissuta e ferita dalla dura prova della migrazione.

P8570957

Queste sono le protagoniste di Aion, la mostra dell’artista franco brasiliana Louise Manzon.

P8570961

Il concetto di Aion viene assimilato al perenne processo migratorio; rappresenta quindi l’eternità, il tempo che ricomincia incessantemente, senza un vero inizio ed una vera fine.

P8570965

La mostra visitabile nella cripta del Museo Marino Marini fino al prossimo 8 settembre è ad ingresso gratuito come tutto il museo visitabile durante in weekend ed il lunedì.

info : http://www.museomarinomarini.it

Andrea Paoletti © 2019

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...