PINOCCHIO nei costumi di Massimo Cantini Parrini

Non mi era mai capitato di vedere i costumi di un film prima di averlo visto al cinema.

Se volete scoprire in anteprima i costumi indossati dai protagonisti del film “Pinocchio” di Matteo Garrone, la mostra inaugurata lo scorso venerdì 20 dicembre potrà soddisfare ogni vostra curiosità!

DSC_1775

Al Museo del Tessuto di Prato l’esposizione “Pinocchio nei costumi di Massimo Cantini Parrini” presenta in anteprima assoluta l’ultimo straordinario lavoro del costumista cinematografico Cantini Parrini, l’unico costumista italiano ad aver vinto dalla prima nomination tre David di Donatello consecutivi (2016-2018), oltre ad altri numerosi premi e riconoscimenti.

Tra le sue esperienze professionali, emerge significativamente il sodalizio stabilito con Matteo Garrone, che – prima di Pinocchio – lo ha chiamato per realizzare i costumi dei film Il racconto dei Racconti (2015) e Dogman (2018)

DSC_1779.JPG

La mostra si articola in due parti: la prima rivela alcuni capi della collezione privata di Cantini Parrini dai quali ha preso ispirazione per i costumi di Pinocchio, la seconda vede esposti oltre 30 costumi realizzati per vestire i personaggi del film “Pinocchio”: dal frac di tela di lino di Geppetto (interpretato da Roberto Benigni) alla giacca in camoscio color muffa del Grillo Parlante; dal cappotto di fustagno di Mangiafuoco agli abiti in garza di cotone della Fata Turchina, fino al vestito di Pinocchio in tessuto jacquard.

fino al 22 marzo 2020

info : http://www.museodeltessuto.it

Andrea Paoletti © 2019

4 pensieri su “PINOCCHIO nei costumi di Massimo Cantini Parrini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...