La Sinagoga di Firenze riapre con una “pioggia” di rose

Con la celebrazione della festa ebraica di Shavuot  (lo scorso venerdì 29 maggio) ha riaperto al culto anche la Sinagoga di Firenze in via Farini n.6

Riaperta al culto (anche se in forma limitata, per 130 persone) dopo il periodo di lockdown, il Tempio Ebraico con la Coop Culture ha dato la possibilità di visite guidate gratuite ai cittadini che nell’occasione hanno potuto ammirare una suggestiva installazione site-specific.

DSC_3756

La festa di Shavuot detta Pasqua delle rose o Pentecoste è associata alla primavera, alla natura ed ai primi raccolti di maggio che sappiamo è il mese delle rose. L’installazione progettata dall’architetto David Palterer, vuole essere il segnale del nuovo inizio della liturgia religiosa ma anche della riapertura della sinagoga alla città.

DSC_3781

Una simbolica “pioggia” di rose sospese, tra le nove arcate del tempio, accolgono il visitatore nella fascinosa architettura in stile moresco del Tempio.

DSC_3769

Arch. David Palterer

DSC_3749

Cenni storici dal sito http://www.coopculture.it dove si possono prenotare ed acquistare i biglietti per la visita alla Sinagoga :

“La grande sinagoga di Firenze fu inaugurata nel 1882, qualche anno dopo l’Emancipazione degli ebrei italiani, avvenuta nel 1861 con la proclamazione dell’Unità d’Italia. E’ uno degli esempi più significativi in Europa dello stile esotico moresco. La sua  fisionomia, diversa dalle tradizionali architetture  fiorentine di epoca medievale – rinascimentale e la grande cupola rivestita in rame verde (in origine dorata) risaltano nello skyline della città e si impongono come monumento cittadino visibile da ogni punto panoramico. L’interno è  particolarmente suggestivo per la ricchezza delle decorazioni geometriche negli affreschi alle pareti, per la luce soffusa che filtra dalle vetrate policrome e per lo splendore dei mosaici.

DSC_3761

Parte integrante della visita alla Sinagoga è il  Museo Ebraico fondato nel 1981 e ampliato nel 2007. Allestito su due piani all’interno dell’edificio ospita una ricca collezione di oggetti cerimoniali d’arte ebraica. Argenti e tessuti provenienti dalle antiche sinagoghe del ghetto fiorentino, documentazione fotografica e archivistica riguardante la storia della comunità ebraica a Firenze.  Al  secondo piano  sono esposti oggetti e arredi legati ai  momenti più significativi  del ciclo della vita ebraica, della ritualità familiare e delle festività religiose. Una sala è dedicata  alla memoria della Shoah e attrezzata per proiezioni.  A disposizione del pubblico un ‘area computer collegata con i maggiori musei e centri ebraici nel mondo. La fruizione del complesso è affidata alla mediazione di guide che offrono al visitatore un supporto di conoscenze per la  comprensione  del patrimonio culturale ebraico nelle sue diverse sfaccettature. Il percorso di visita è arricchito dalla presenza di un bookshop museale  e da un ampio giardino dove sostare all’ aperto”.

DSC_3786

La Sinagoga dal 1 giugno è nuovamente chiusa per poter realizzare gli interventi di manutenzione del pavimento. Verrà nuovamente aperta il prossimo 5 luglio.

per info :

http://www.jewishtuscany.it/

https://www.coopculture.it/heritage.cfm?id=37

Andrea Paoletti © 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...