JR e Omelia contadina alla Galleria Continua di San Gimignano

E’ uno dei più celebri artisti francesi, considerato come uno street artist ma effettivamente non lo è, come si definisce sul proprio profilo Instagram  è : “artista fino a quando non trovo un vero lavoro:)”.

JR (Parigi 1983) da quando trovò per caso una macchina fotografica nella metropolitana parigina, ha iniziato la sua attività artistica non dipingendo sui muri ma fotografando e componendo collage fotografici con decine di fotocopie in formato A4 .

Nel film #JR presentato in questi giorni al festival Lo Schermo dell’Arte di Firenze si ripercorre l’intera carriera di JR, artista che da Parigi a New York, da Shanghai a Rio de Janeiro, dalla frontiera tra Israele e Palestina a quella tra USA e Messico ha cambiato il volto di interi quartieri, coinvolgendo altri artisti e gli stessi abitanti, nella convinzione che l’arte possa davvero aiutare a cambiare il mondo.

Diversamente da Banksy, più politico, JR è concentrato sui temi sociali, entrambi però hanno “sdoganato” la street art  mantenendone l’aspetto “popolare ” ma facendola assurgere a livelli artistici superiori.

JR con le sue enormi installazioni fotografiche che hanno toccato i temi più drammatici della nostra società : la povertà, l’analfabetismo, l’immigrazione, il possesso privato di armi, la situazione delle carceri americane è alla Galleria Continua di San Gimignano per la sua prima mostra personale in Italia.

Alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia è stato presentato Omelia contadina realizzato da JR con la regista Alice Rohrwacher, un corto definito dai due autori: action movie.

Omelia Contadina nasce dalla preoccupazione di JR e Alice Rohrwacher per le difficoltà incontrate da tanti piccoli agricoltori e abitanti dell’altopiano dell’Alfina, al confine tra Lazio, Toscana ed Umbria.

Il film denuncia il declino dell’agricoltura tradizionale a favore della monocultura, che mina progressivamente i paesaggi e gli ecosistemi esistenti.

In occasione della proiezione è stata organizzata una performance, un funerale per i canali veneziani con i ritratti dei contadini presenti nel film.

Nella stessa maniera a San Gimignano la mattina dell’inaugurazione della mostra, lo scorso 26 settembre, è stata organizzata la Processione Omelia Contadina, trasportando per le vie del borgo medievale l’enorme sagoma in tessuto di un giovane contadino che, raggiunta la campagna circostante, è stato simbolicamente seppellito, riproponendo così il rito funebre del film.

La mostra espone nelle prime sale della Galleria le immagini dei più celebri progetti di JR per poi giungere nello spazio della platea con l’impressionante anamorfosi di una contadina sdraiata sulla terra che dopo una vita di lavoro è adesso pronta per la sua sepoltura.

fino al 10 gennaio 2021

Andrea Paoletti © 2020

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...