Addio a Christian Boltanski l’artista dell’anima dei ricordi

La prima volta che ho “incontrato” le opere di Christian Boltanski è stato sfogliando un libro monografico dei suoi lavori. Rimasi esterrefatto, erano tutte foto, formato tessera, di persone morte, scomparse.

Solo dopo qualche anno, visitando il Museo per la Memoria di Ustica a Bologna sono riuscito ad entrare nella struggente malinconica delle opere di Boltanski.

Era considerato come il “pittore” dei ricordi, lo “scultore” delle emozioni, che non le imponenti installazioni riusciva a commuovere.

ArtBlog ha pubblicato:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...