« LE RADICI DELL’ARTE » arte contemporanea in Toscana

Si è inaugurata lo scorso 25 luglio la seconda edizione di “Le radici dell’Arte” bellissimo progetto a cura di Philippe Austruy e di Galleria Continua, che fonde Arte e Natura del territorio toscano.

Comunicato stampa:

Philippe Austruy, collezionista, mecenate e proprietario di diverse meravigliose tenute in Francia e in Italia e Lorenzo Fiaschi, co-fondatore di Galleria Continua, si sono incontrati per la prima volta in Toscana e, mossi da un’istintiva amicizia e da una convergenza intellettuale, hanno elaborato un ambizioso progetto sull’arte contemporanea. L’anima del progetto è Tenuta Casenuove, magnifica realtà toscana situata a Panzano in Chianti, acquistata da Philippe Austruy nel 2015 e interamente riscoperta in tutto il suo splendore dopo ampi lavori nei vigneti e negli immobili. In questo contesto, ogni anno, seguendo l’alternanza delle stagioni del vigneto, un artista è invitato a fare esperienza di questi luoghi e a creare un’opera in situ: installazioni permanenti in sintonia ed in dialogo con i paesaggi e gli uomini che li modellano.

Nel corso dell’anno, il calendario sarà costellato anche da esposizioni temporanee. Accolte nella magnifica Sala delle Volte della Tenuta, arricchiranno i visitatori proponendo delle esperienze continuamente rinnovate. Infine, nel centro di Panzano, è stato creato un nuovo spazio, “Il Vino dell’Arte”, che fonde l’amore per il vino con quello per l’arte. Un unico ambiente per la degustazione dei vini e una galleria d’arte, facile da individuare per i numerosi visitatori di passaggio in paese.

“Le Radici dell’Arte” ha un doppio senso proprio : le radici rimandano alle origini, alla cultura e al territorio d’origine. Inoltre, evocano l’uomo che tenta di dialogare con la natura per coglierne i frutti migliori – l’uva – pur esprimendo l’esigenza di espressione profonda, fondamentale e radicata nell’uomo alla ricerca del perfezionamento e la comprensione del senso della vita.

In occasione della sua prima edizione, “Le Radici dell’Arte” ha rivelato da subito la sua ambizione e svelato la prima installazione permanente nel cuore della Tenuta Casenuove concepita da Pascale Martin Tayou.

Stupito, durante il suo soggiorno presso Tenuta Casenuove, dall’entità dei lavori, dalla varietà dei luoghi e dalla partecipazione appassionata delle persone coinvolte in questo progetto di ristrutturazione, Pascale Marthine Tayou ha deciso di rendere omaggio al progetto prendendo come soggetti gli uomini e le donne che animano la Tenuta, evidenziandone l’energia ed il carattere umano. L’artista parla di «poeti che hanno abitato, abitano o abiteranno a Casenuove». Federica, Dario, Caroline, Alessandro, Matilde, Giorgio, Cosimo, Stéphane, Marie-Amélie, Géraldine, Lou, Lorenzo e Philippe sono i « GENI DI CASENUOVE», sculture in cristallo adorne di oggetti diversi (perle, corna, portafortuna, sbalzi/livelli, archetti, bottiglie di vino, profumi, ecc.) per esprimere il carattere di ogni personaggio.

Per la seconda edizione gli artisti che stanno esponendo sono :  nello spazio «Il Vino dell’Arte» il milanese Loris Cecchini mentre alla Tenuta Casenuove, la cubana Susana Pilar.

Loris Cecchini

Lo spazio «Il Vino dell’Arte» accoglie un’esposizione dell’artista Loris Cecchini con un’installazione sulla facciata dello stabile, uno spazio che in futuro si presterà ad accogliere numerosi progetti artistici.

“WATERBONES” di Loris Cecchini è un’installazione in situ, composta da moduli in acciaio inox abbinati, posizionati su un muro dal colore vivace. Apparentemente liberi e caotici, questi moduli sono in realtà basati su degli schemi matematici e un calcolo algoritmico. Rispettano le caratteristiche del luogo e l’organizzazione degli spazi nei quali sono esibiti. Diventano dei «processi» creativi che offrono un’interpretazione dello spazio e una nuova lettura dell’ambiente nel quale sono realizzati.

All’interno nel magnifico spazio espositivo al primo piano la mostra delle opere di Cecchini.

Susana Pilar

Nella suggestiva “Sala delle Volte” della Tenuta Casenuovesi si trova l’installazione “LO QUE CONTABA LA ABUELA…” di Susana Pilar. Realizzata con fotografie e specchi, sorprende i visitatori con un gioco di riflessi e prospettive. Le foto che Pilar (Cuba 1984 vive e lavora a l’Avana) presenta sono immagini vintage di donne cubane in eleganti abiti da festa, che propongono una riflessione sulla condizione femminile a Cuba, tema molto seguito ed affrontato dall’artista.

Il colore della pelle contrasta con il bianco degli abiti, la cui grazia e leggerezza nascondono solo all’apparenza il peso dell’eredità familiare e della condizione della donna di colore.

Nelle cantine due opere video dell’artista sempre legate alla condizione di vita femminile.

Galleria “Il Vino dell’Arte”

via Chiantigiana 70, Panzano in Chianti

Tenuta Casenuove

località San Martino a Cecione, Panzano in Chianti

immagini : Andrea Paoletti © 2021   All images used on this website are copyrighted.

testo : comunicato stampa Galleria Continua

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...