VEDOVA ACCENDI LA LUCE – Georg Baselitz al Magazzino del Sale di Venezia

Vedova accendi la luce è il titolo della mostra di Georg Baselitz esposta nel Magazzino del Sale della Fondazione Emilio e Annabianca Vedova fino al 31 ottobre 2021.

comunicato stampa :

Georg Baselitz ha creato espressamente per questa esposizione alcune opere realizzate secondo una pittura “alla maniera” di Vedova, un omaggio dell’artista tedesco al Maestro veneziano. Sono anche esposti altri lavori inediti dedicati al tema del cosiddetto “gelato” (Speiseeis).

La mostra è realizzata su un disegno espositivo predisposto da Fabrizio Gazzarri e Detlev Gretenkort.

Vedova e Baselitz erano legati non solo da un’intesa artistica, ma anche da una profonda e duratura amicizia fin dai primi anni Sessanta, nata nella Berlino divisa dal muro, dove Vedova visse per circa due anni e dove realizzò l’Absurdes Berliner Tagebuch ‘64.

Già due anni or sono, Baselitz fu eccezionale curatore, sempre nello spazio del Magazzino del Sale, della mostra Emilio Vedova di/by Georg Baselitz, in cui presentava una scelta di opere vedoviane degli anni ’50 e degli anni ’80. Particolarmente vivo, poi, è ancora il ricordo dell’omaggio che Baselitz fece alla Biennale di Venezia del 2007 all’amico veneziano subito dopo la sua scomparsa con una serie di quadri di straordinaria forza espressiva.

Così Baselitz ricorda in una lettera il suo primo incontro con la pittura di Vedova: “Comperai un quadro di Emilio, il Manifesto universale del 1957, da Rudolf Springer, lo comperai come documento, il mio primo sguardo verso ovest, a Berlino quella volta, un quadro astratto, con un suo fondamento (Piranesi) e una sua veemenza, da innamorarcisi.”

Come sottolinea Alfredo Bianchini, Presidente della Fondazione Vedova, Vedova accendi la luce (dal titolo, enigmatico, di uno dei quadri esposti) è “una mostra incredibilmente suggestiva non solo per l’originalità del segno pittorico (ancora un rinnovato Baselitz pur nella continuità essenzialmente espressionistica del suo linguaggio), ma anche perché (in particolare nella parte dedicata a Vedova) Baselitz sembra voler giocare (ma soprattutto dialogare) con Emilio fingendo di imitarlo nei tratti informali e scherzando allusivamente con i titoli dei quadri. L’individualità, l’unicità, l’esclusività sono i connotati essenziali del timbro dell’arte. È, infatti, veramente inusuale che, come in questo caso, un artista si impegni intellettualmente, sentimentalmente ed espressivamente nel mondo di un altro artista.”

La mostra è organizzata in collaborazione con Galerie Thaddaeus Ropac, London – Paris – Salzburg

Fondazione Emilio e Annabianca Vedova – Magazzino del Sale

Zattere 266 – Venezia

fino al 31.10.2021

testo : comunicato stampa

immagini : Andrea Paoletti © 2021  

All images used on this website are copyrighted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...