Cerith Wyn Evans alla Pirelli Hangar Bicocca

Visitare l’Hangar Bicocca a Milano è sempre una meraviglia. Rivedere poi l’installazione permanente di Anselm Kiefer, “I sette palazzi celesti”, lascia senza fiato.

I grandi spazi che la struttura di archeologia industriale offre al visitatore (da notare ad ingresso gratuito) ospitano spesso esposizioni che stupiscono e rendono emotivamente coinvolgente la visita. Dallo scorso 31 ottobre è visitabile  …the Illuminating Gas, la più grande mostra mai realizzata in Italia da Cerith Wyn Evans (Llanelli, Galles, Regno Unito, 1958) che presenta una straordinaria selezione di venticinque opere tra sculture storiche, complesse installazioni monumentali e nuove produzioni.

P8580342

Sinceramente non conoscevo quest’artista, le immagini delle sue opere mi hanno  incuriosito e quindi invogliato alla visita della mostra. Appena entrati nel grande padiglione la prima reazione è di totale stupore con le alte colonne che si accendono in alternanza con una luce morbida che ti avvolge.

P8580267

Proseguendo la visita, la mostra è una continua sorpresa, sembra di entrare in un mondo fantastico fatto di luce ed informe che l’artista ha creato proprio con l’intento di estraniare il visitatore dalla realtà.

P8580278

Dal sito della Fondazione Pirelli Hangar Bicocca :

… Dopo gli esordi come filmmaker, dagli anni Novanta Cerith Wyn Evans si dedica alla realizzazione di sculture, interventi site specific e performativi che si caratterizzano per l’utilizzo di elementi e materiali effimeri come la luce e il suono, e per la centralità della dimensione temporale nella fruizione dell’opera. La ricerca dell’artista si focalizza sulla percezione, sul potenziale del linguaggio e della comunicazione, mettendo in discussione la nostra nozione di realtà.

P8580302

Nella loro eleganza ed equilibrio formale, i lavori di Cerith Wyn Evans attingono a una complessità di riferimenti e citazioni (dalla letteratura, alla musica, filosofia, fotografia, poesia, storia dell’arte, astronomia e scienza) che vengono declinati in forme del tutto nuove attraverso un articolato processo di montaggio. Questa operazione avviene sia attraverso l’impiego di materiali testuali che, decontestualizzati, vengono tradotti in un linguaggio luminoso (ad esempio sotto forma di scritte al neon, fuochi d’artificio o pulsazioni di luce) sia trasponendo in sculture l’immaginario di artisti storici, come Marcel Duchamp, o il repertorio di gesti del teatro giapponese Noh, come nella serie Neon Forms (after Noh) (2015-2019).

P8580258

Il progetto espositivo include una nuova configurazione di Forms in Space…by Light (in Time) (2017), originariamente concepita per le Duveen Galleries della Tate Britain di Londra e StarStarStar/Steer (totransversephoton) (2019), opera appositamente realizzata per la mostra, che ne apre il percorso creando una coreografia di luci e ombre che a intermittenza invadono lo spazio.

P8580316

Tra le istituzioni di rilievo internazionale che hanno presentato le sue mostre personali vi sono Museo Tamayo, Città del Messico (2018); Duveen Galleries, Tate Britain, Londra, Museum Haus Konstruktiv, Zurigo (2017); Museion, Bolzano (2015); Serpentine Sackler Gallery, Londra (2014); Thyssen-Bornemisza Art Contemporary, Vienna (2013); Schinkel Pavilion, Berlino (2012); Wiener Staatsoper, Vienna, Kunsthall Bergen (2011); MUSAC, León (2008); Kunsthaus Gratz (2007); ICA – Institute of Contemporary Arts, Londra, ARC/Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (2006); MIT Visual Arts Centre, Boston (2004); Centre for Contemporary Art, Kitakyushu, Giappone (1998).

P8580322

I suoi lavori sono stati, inoltre, inclusi in importanti rassegne collettive, tra cui: 14ma Biennale di Lione, Skulptur Projekte, Münster, 57ma Biennale di Venezia (2017); 4a Biennale di Mosca (2011); Aichi Triennale, Nagoya (2010); 12ma Biennale di Architettura di Venezia (2010); 9a Biennale di Istanbul (2005); Documenta 11, Kassel (2002). Nel 2003 Cerith Wyn Evans ha rappresentato il Galles alla Biennale di Venezia e partecipato a “Utopia Station”. Nel 2018 è stato premiato con l’Hepworth Prize for Sculpture.

fino al 23 febbraio 2020

info : https://pirellihangarbicocca.org/

Andrea Paoletti © 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...